Da millenni  l’olio extravergine d’oliva è il fiore all’occhiello della dieta mediterranea e sempre più nutrizionisti lo studiano per le sue numerosissime proprietà.

Gli studi hanno dimostrato le mille virtù di questo alimento tanto amato nel nostro paese: l’olio d’oliva più pregiato, ed anche più salutare dal punto di vista nutrizionale è l’extravergine: quello di prima spremitura, a bassa acidità, ottenuto grazie a metodi meccanici  e “a freddo” preservando il mantenimento delle caratteristiche organolettiche e delle proprietà nutrizionali. 

L’olio E.V.O riduce il c.d. colesterolo cattivo, l’LDL, diminuendo il rischio d’infarto, arteriosclerosi e malattie cardiocircolatorie; stimola le secrezioni digestive e favorisce la contrazione della cistifelea migliorando l’assimilazione delle sostanze nutritive durante la digestione e prevenendo la formazione di calcoli; Aiuta a prevenire la stitichezza  facilitando i movimenti dell’intestino, agisce come antinfiammatorio grazie ad una particolare sostanza, l’oleocanthal.

L’olio extravergine contiene due grassi indispensabili per il nostro benessere: il linoleico e il linolenico svolge inoltre un’azione antinvecchiamento, non solo della pelle, ma di tutto l’organismo in generale, grazie ai polifenoli, tocofenoli e vitamina E, che, insieme ai carotenoidi (soprattutto betacarotene), contrastano radicali liberi, stress ossidativo e infiammazione.

La composizione dell’olio extravergine d’oliva vede un perfetto bilanciamento tra grassi “buoni e cattivi”: i saturi sono pochi mentre i monoinsaturi e i polinsaturi sono presenti ma in quantità non esagerata. Le calorie sono ovviamente elevate, 899 Kcal per 100 grammi di prodotto, non se ne dovrebbe abusare con l’uso e privilegiarne il consumo “a crudo”, anche se questo tipo d’olio presenta una buona resistenza al calore e si presta quindi per le fritture.